Dal 17 al 19 settembre, si terrà a Palermo il Congresso Nazionale di AIP, sez. Psicologia delle Organizzazioni. Le sessioni tratteranno temi relativi alla selezione delle HR, formazione, orientamento, neuromarketing e altro.

Il contributo che il Prof. Di Stefano ed io presentiamo, riguarda un intervento di Corporate Coaching finalizzato al cambio della cultura organizzativa di una clinica privata di oltre 100 dipendenti, dove abbiamo testato una metodologia di intervento con l’intento parallelo di valutarne l’efficacia.

Aldilà della ricchezza dell’intervento, uno degli aspetti più gratificanti è stato l’incontro tra l’approccio consulenziale del coaching aziendale, e gli impianti metodologici dell’accademia di ricerca psicologica.

Segue l’abstract dell’intervento e alla fine di questo, il link al programma dei lavori

La costruzione partecipata della vision aziendale: proposta metodologica e case study.
di Grimaudo e Di Stefano

Negli ultimi anni il sistema dei bisogni dietro le scelte di consumo si è evoluto verso una domanda di
tipo esistenziale.
Oggi i clienti cercano storie e valori cui aderire, che rappresentino l’identità di un’organizzazione differenziandola dalla concorrenza.
Questo fenomeno ha stimolato il passaggio dal concetto di Branding (valori di marchio) a quello di Corporate Branding (valori organizzativi), spingendo le aziende a utilizzare sempre più diffusamente modelli di vision statement (es. carta dei valori) e a riconoscere un maggiore peso strategico della vision sullo sviluppo organizzativo: una visione forte fornisce valori che aiutano il conseguimento degli obiettivi aziendali e stimolano la crescita del senso di appartenenza dei lavoratori.
È evidente, tuttavia, che la semplice definizione di una vision che sia espressione del top
management non può esprimere in modo diretto il rapporto tra i valori chiave di un’azienda e le
aspettative e i comportamenti dei suoi lavoratori; né si può dare per scontato che questi ultimi
possano automaticamente aderirvi.
Il presente lavoro intende fornire un contributo metodologico alla definizione di un modello di costruzione partecipata di vision, ripercorrendo un intervento professionale di sviluppo organizzativo rivolto a un’azienda di servizi sanitari di medie dimensioni, gestito secondo i principi e le pratiche tipiche della ricerca-azione di ispirazione lewiniana.
La costruzione della vision ha previsto un percorso di partecipazione piena, democratica e condivisa
che ha coinvolto in diversi setting e con differenti strumenti (interviste semistrutturate al
management; indagini di clima interno con questionari tailor-made; sessioni di lavoro Metaplan in
gruppo allargato; interventi formativi in piccolo gruppo su specifici target) tutti i dipendenti,
seguendo questi step:
1) Chiarificazione dei core values;
2) Analisi della situazione attuale;
3)Costruzione della vision;
4) Costruzione della carta dei valori;
5) Implementazione della vision.

Gli elementi raccolti in sede di intervento hanno evidenziato una buona soddisfazione dei dipendenti e un
buon grado di identificazione con l’azienda.

Programma dei lavori Congresso http://www.aipass.org/files/u1586/programma_con_abstract_sociale_ed_organizzazioni_2015.pdf